notizie sul mondo del browsing dal 12 al 18 maggio

Wild Fox, ecco Firefox con H.264

Dopo aver ricevuto sostegno di Safari ed Explorer il formato di compressione video digitale H.264 sarà presto supportato
anche su Firefox. Il browser della Mozilla Foundation fino ad ora non lo includeva per problemi relativi ai brevetti, ma ora è partito un progetto indipendente - Wild Fox - per provare a renderlo compatibile.
Gli sforzi di Mozilla sembrano più che giustificati dai dati – raccolti da Meefedia
- relativi all'uso del codec nei primi mesi dell'anno: i video prodotti per il web e codificati H.264 sono aumentati del 160 per cento rispetto ai mesi precedenti.

Browser fingerprinting

La Eff ha presentato uno studio sui sistemi di identificazione usati dai browser che permettono di tracciare la navigazione anche di quegli utenti che hanno disabilitato sia i cookies che i super-cookies. La spia che permette di raccogliere informazioni sufficienti a identificare l'utente è la user-agent string dei browser, visibile ai siti web visitati. Il problema non viene evitato neppure dai cosiddetti browser anonimi come Browzar. Il report
è decisamente tecnico e spiega quali contromisure adottare per evitare questo particolare fingerprint.

Pentagramma Html5

Mohit Muthanna, programmatore presso Google, deluso dalle possibilità disponibili per la scrittura del pentagramma per le partiture musicali (tutti basati su Flash) ha sviluppato una soluzione nuova utilizzando le Api JavaScript. Il risultato è notevole e gli sviluppatori – su segnalazione di Slashdot - hanno affollato il blog di Muthanna complimentandosi per la possibilità di usare la notazione musicale direttamente nel browser, via canvas HTML5.


L'attimizzazione del software

Una start up neozelandese ha sviluppato un ottimizzatore di codice, battezzato Aptimization
, in grado di accelerare il caricamento delle pagine web. Spesso infatti il problema della velocità di rendering è dovuto oltre che all'hardware o al motore di rendering del browser anche alla struttura del sito web.

Dolphin HD: specie evoluta (troppo) su Android

Raccoglie consensi pressoché unanimi
Dolphin browser HD, sviluppato per Android. La navigazione è gradevole, supporta il multi-touch e – se usato in modalità “mobile view” - riformatta i siti web adattandoli al piccolo schermo. Tra le funzioni più apprezzate la possibilità di scaricare i video di YouTube. A pochi giorni dal rilascio però Google ha fatto rimuovere la feature perchè non compatibile con i termini di servizio della piattaforma di condivisione video. Gli early adopters hanno però giurato di non aggiornare il browser e l'hanno salvato su scheda SD per sicurezza. I software per scaricare i video streaming di YouTube sono in realtà molti e recentemente è stata implementata su YouTube la possibilità di scaricare alcuni video, dietro compenso. Il fatto che attraverso Dolphin HD il download sia gratuito può essere stata motivazione aggiuntiva per la censura e la sospensione temporanea dall'Android Market.