Le stelle mi hanno sempre affascinato. Credo di non esser l'unico: a tutti da bambini è sicuramente capitato almeno una volta di alzare gli occhi la notte e ammirare un cielo limpido e stellato.

La nostra immaginazione ci spinge da sempre a porci le domande più disparate sui corpi celesti che circondano il nostro pianeta: quanto è vasto l'universo, quante sono le stelle...etc.

No non mi sto tramutando nello straordinario Piero Angela e questa non è una puntata di Quark, ma un progetto che Microsoft Research sta portando avanti con molta serietà dal 2002 e che prende il nome di WorldWide Telescope.

Il WorldWide Telescope, ne avrete sicuramente già sentito parlare nei giorni scorsi,  altro non è che un vero e proprio "osservatorio" installato sul vostro desktop che vi permetterà, dalla primavera del 2008, di guardare il cielo come mai prima; una tecnologia che combina insieme le migliori immagini dell'universo scattate dai più potenti satelliti e telescopi di tutto il mondo.

Attraverso la tecnologia Visual Experience Engine, infatti, sarete in grado di esplorare istantaneamente il cielo notturno viaggiando tra stelle e pianeti attraverso immagini in alta definizione, avendo la possibilità di condividere il vostro "tour" dell'universo.

Microsoft dedicherà questo progetto a Jim Gray (il ricercatore Microsoft  scomparso un anno fa al largo di San Francisco con la sua barca a vela, che attraverso il suo SkyServer ha dato vita a questa iniziativa) e cosa importante sarà una risorsa gratuita per l'astronomia e l'istruzione, con la speranza che possa ispirare e consentire alle persone di esplorare e comprendere l'universo come mai prima d'ora.

E ora, proprio come quando eravate piccoli, rimanete senza parole con questo nuovo video mostrato al Campus di Redmond nei giorni scorsi durante il TechFest 2008, l'evento annuale di Microsoft Research.

 


Video: World Wide Telescope