Ormai è chiaro che Windows Azure è una piattaforma in continua evoluzione, e anche la scorsa settimana sono state annunciate nuove funzionalità.

Qui di seguito vorrei riassumere tutte quelle novità che possono interessare in ambito IT PRO:

  1. 200 co-admin: come ben sapete, è possibile aggiungere diversi amministratori alla stessa sottoscrizione. In questo modo più persone hanno poteri su una stessa sottoscrizione, per un lavoro coordinato e centralizzato. Il numero di co-admin supportati è stato portato da 10 a 200, per ciascuna sottoscrizione.
  2. Monitoring: nel mondo del cloud può capitare che ci siano momenti di interruzione e Microsoft ha accolto la richiesta da parte di diversi clienti che lamentavano una certa scarsità di notifiche a riguardo, richiedendo un processo più performante. E a tal proposito da qualche giorno è possibile visualizzare direttamente nel  Management Portaltutte le notifche, nonchè personalizzarle in base al particolare servizio che si sta usando. I seguenti incidenti possono far scatenare delle notifiche:
    • Partial Performance Degradation
    • Partial Service Interruption
    • Full Performance Degradation
    • Full Service Interruption
    • Advisory

    Non solo: per ognuna di queste notifiche si ottiene una finestra molto dettagliata cliccando sul bottone  OK. In tale finestra si possono visualizzare diverse informazioni, tra cui: il momento in cui il servizio ha cominciato ad avere dei problemi, la SubscriptionID (quando disponibile) di quella sottoscrizione che sta usando il servizio in questione, i logs, la storia dell’incidente, etc. Questa funzionalità è in continua evoluzione, quindi ci aspettiamo ulteriori novità a breve.

  3. Virtual Machine Agent: interessante novità in ambito di Macchine Virtuali è l’Agent. Da qualche giorno infatti, nel wizard di creazione della macchina virtuale abbiamo visto apparire l’opzione epr l’installazione di un Agent, che ha il compito di installare e gestire le extension, ovvero moduli software che estendono le funzionalità della VM stessa. Nei prossimi mesi numerosissime saranno queste extensions, e Microsoft continuerà a lavorarci per garantire il migliore dei servizi. Una delle prime novità legate all’Agent è il BGInfo, subito visualizzabile sul desktop delle vostre macchine virtuali.
  4. Active Directory, ancora più ricco! Microsoft infatti ha abilitato il supporto di Active Directory SSO (Single Sign On) con oltre 600 applicazioni popolari SaaS (Software As A Service). Se dal Windows Azure Management Portal vi posizionate nella vostra  Active Directory, spostandovi nel tab Applications,con il bottone Add vengono visualizzate le applicazioni a oggi supportate. Qui un esempio:

image

Una volta che la app è stata integrata con la vostra Active Directory, potrete selezionare quali utenti potranno essere effettivamente autenticati nell’app stessa.

 

Queste sono solo alcune pillole, per una documentazione dettagliata vi rimando come sempre alla documentazione ufficiale di prodotto.

Buon lavoro,