System Center 2012La keynote di apertura del Microsoft Management Summit di Las Vegas è stata il momento scelto per annunciare ufficialmente il rilascio e la disponibilità sul mercato di System Center 2012 che segna un passaggio importante anche per il nuovo modello di licensing del prodotto.

Con il rilascio di System Center 2012 quelli che prima erano prodotti separati, con licensing differenti e tempi di rilascio differenti ora diventano componenti di un unico prodotto con modello di licensing e roadmap unificate.

Private Cloud, Public Cloud, Hybrid Cloud

C’è anche un ulterioriore aspetto che va ricordato. Il Private Cloud e il passaggio dalla semplice virtualizzazione al Private Cloud sono dei temi importanti che stanno segnando l’evoluzione dei servizi IT e su cui anche le nostre attività tecniche e di formazione si stanno focalizzando.

La nuova versione di System Center 2012 è stata pensata e sviluppata con l’obiettivo di rendere semplice ed efficente la creazione e la gestione di infrastrutture dinamiche, di ambienti virtualizzati “altamente gestiti” e automatizzati, di infrastrutture di private cloud.

Ma System Center 2012 è stato anche sviluppato tenendo conto delle esigenze delle aziende, che spesso si trovano a dover gestire ambienti IT misti, e consente quindi ad esempio di gestire le infrastrutture di virtualizzazione basate sia su Hyper-V che su Xen Server e ESX, o di monitorare sistemi basati su UNIX e su Linux.

Parallelamente agli ambienti IT misti, System Center 2012 consente la gestione contemporanea di applicazioni e servizi ospitati su cloud ibridi, di infrastrutture che utilizzano applicazioni locali “classiche”, di applicazioni ospitate su infrastrutture private cloud, di servizi ospitati su public cloud come Windows Azure.

Hybrid Cloud Management

Non solo cloud

Il focus sulla creazione e sulla gestione delle infrastrutture public & private cloud non significa però che System Center abbia smesso di fare anche tutto quello che faceva in passato.

Infatti, insieme agli strumenti per la gestione dell’ambiente virtualizzato e per l’automazione del datacenter o ai nuovi componenti come App Controller, in SC 2012 trovate tutti i componenti “classici” come Configuration Manager, Operations Manager, Data Protection Manager cioè tutti quegli strumenti necessari ad esempio per gestire in modo efficente i desktop aziendali, la distribuzione delle applicazioni e degli aggiornamenti, il monitoring dei servizi di infrastruttura e dei server applicativi come SQL Server, SharePoint ed Exchange, gli strumenti per il backup dei dati, la gestione e il monitoring dell’hardware e così via.

I componenti della nuova versione di System Center (scaricabili in un unico package di valutazione) quindi sono:

Risorse di studio e di formazione

Le novità di System Center 2012 sono molte, così come molti sono i componenti del prodotto, e sicuramente è necessario del tempo per poterle approfondire.

Microsoft Virtualization & Private Cloud Conference 2012Un primo evento a cui voglio invitarvi, dedicato proprio a System Center 2012, alle infrastrutture virtualizzate, alla gestione degli ambienti ibridi e al Private Cloud è la Microsoft Virtualization & Private Cloud Conference. E’ un appuntamento importante di formazione, con una agenda ricca di contenuti tecnici,  e vi invito a partecipare insieme ai vostri colleghi.

Per chi non ha problemi nella fruizione di contenuti in Inglese, tra i corsi della Microsoft Virtual Academy trova già delle risorse dedicate a System Center 2012.

In fine, nella Library TechNet trovate già i nuovi articoli con le informazioni tecniche sui componenti di System Center 2012.

La versione di valutazione

Potete scaricare dal TechNet Evaluation Center, con una unica registrazione, la versione di valutazione di System Center 2012 con tutti i componenti, con la possibilità di scaricare anche una immagine di Windows Server 2008 R2 SP1 utilizzabile per installare le vostre macchine (o VM) di prova.

Renato F. Giorgini Segui i miei update su Twitter