Spesso durante gli eventi o via mail mi chiedete informazioni su come dimensionare correttamente alcuni componenti di infrastruttura o quali sono le best practice di configurazione e gestione, e in genere le domande più frequenti sono relative ad Exchange e ai Remote Desktop Services di Windows Server.

Approfitto di un annuncio recente per rispondere in particolare alla domanda relativa ad Exchange e fornirvi alcune risorse di approfondimento.

Microsoft Exchange ServerExchange Mailbox Server Role Requirements Calculator

Il team di sviluppo di Microsoft Exchange da tempo ha sviluppato (e mantiene aggiornato) uno strumento molto utile per chi vuole dimensionare correttamente la sua infrastruttura Exchange: Exchange 2010 Mailbox Server Role Requirements Calculator (la versione al momento disponibile è la 18.9).

Il tool è in realtà un file Excel con macro, che consente all’utente di inserire una serie di parametri e di informazioni sulla propria infrastruttura, e che restituisce informazioni e suggerimenti su come dimensionare storage, dischi, configurazioni in High Availability e così via.

E’ uno strumento molto utile per chi ha deciso di avere una installazione on-premise di Exchange, e che vuole dimensionare correttamente le risorse per sè o per i propri clienti.

A questo tool sono affiancati una serie di post di commento/spiegazione, e ovviamente tutta la documentazione di approfondimento disponibile su TechNet.

Microsoft Exchange Analyzers

Un altro set di strumenti utili per chi ha Exchange on-premise sono gli Exchange Analyzers, che consentono di eseguire delle analisi della configurazione della propria infrastruttura e fornire delle informazioni importanti per capire e prevenire eventuali problemi, o configurazioni errate.

Questi strumenti in genere sono stati integrati direttamente in Microsoft Exchange dalle versioni 2007 in avanti, mentre sono disponibili come download separato per le versioni precedenti.

Documentazione di approfondimento

Come sempre accade in questi casi, non esiste un tool che “automagicamente” può risolvere tutti i problemi o suggerire tutte le ottimizzazioni necessarie, ma ogni tool più o meno automatizzato è un punto di partenza e va affiancato da una lettura attenta della documentazione tecnica. Per questo, vi suggerisco degli articoli che spero vi siano utili:

Vi ricordo che nella Microsoft Virtualization & Private Cloud Conference avremo degli approfondimenti dedicati a chi esegue Exchange Server in ambiente virtualizzato.

Renato F. Giorgini Segui i miei update su Twitter