L' Open Source Technology Center, la parte di Microsoft che sviluppa soluzioni per ambienti misti, ha appena annunciato il rilascio della versione 3.2 dei Linux Integration Services for Microsoft Hyper-V.

E' l'ultima versione dei device driver per le distribuzioni Linux supportate su Hyper-V.

Le novità introdotte rispetto alla versione precedente sono:

  • Driver sintetico per il mouse: il mouse virtualizzato può ora essere usato sia nelle sessioni VMConnect che in sessioni RDP session.
  • Nuovo device driver unificato per lo storage: sia i dischi connessi al bus IDE virtualizzato sia quelli connessi al bus SCSI virtualizzato sono accessibili usando lo stesso device driver (hv_storvsc).
  • Fix per Windows Server Developer Preview: è stato corretto il driver sintetico per la rete (hv_netvsc) che può ora essere usato in istanze virtualizzate di Linux in esecuzione su Windows Server Developer Preview.
  • Fix per SCVMM: il problema risolto è descritto nella KB2586286.
  • Installazione semplificata: con la nuova versione è sufficiente eseguire, con le credenziali di root, install.sh. Viene determinata automaticamente la corretta architettura e installati gli appropriati device driver.

Questa nuova versione, pienamente supportata da Microsoft, è destinata alle seguenti distribuzioni Linux:

  • Red Hat Enterprise Linux 6.0/6.1, sia x86 sia x64
  • CentOS Linux 6, sia x86 sia x64

Per le precedenti versioni di RedHat e CentOS è possibile continuare ad usare la versione 3.1 degli Integration Services.

I Linux Integration Services for Microsoft Hyper-V 3.2 forniscono le stesse funzionalità dei device driver rilasciati alla community (che dovrebbero essere integrati nella versione 3 del kernel Linux) e costituiscono un backport di questi per la versione 2.6.3 usata da RHEL e CentOS 6.

Vi ricordo che, per provare i nuovi Integration Services, potete scaricare gratuitamente

Buon fine settimana a tutti

| giorgio | twitter-logo-1 @pgmalusardi |full_black