Le Virtual Desktop Infrastructure (VDI) sono in alcuni casi soluzioni molto efficaci per risolvere problemi di rapid deployment, centralizzazione della gestione, gestione della sicurezza di accesso ai dati di desktop aziendali.

Quando il numero di desktop virtualizzati supera le poche decine, disegnare correttamente e costruire soluzioni VDI diventa un’attività non banale.

La disponibilità di reference architecture può semplificare notevolmente gli sforzi necessari ad implementare soluzioni VDI corrette.

Ieri è stata annuncia da HP, Citrix e Microsoft la HP Client Virtualization Enterprise Reference Architecture with Citrix XenDesktop 5 on Microsoft 2008 R2 SP1.

Si tratta di una soluzione basata su server blade e storage HP, Citrix XenDesktop 5.0 (per la parte di gestione e deployment delle immagini delle VM e brokering delle connessioni), Windows Server 2008 R2 SP1 e Hyper-V per la parte di stack di virtualizzazione e accesso ai desktop virtualizzati (RDP e RemoteFX) e System Center per la parte di management.

La soluzione è pensata e ottimizzata per la creazione di infrastrutture VDI e prevede la possibilità di scale out (aggiunta di blade, storage, ecc..) e scale up (upgrade delle configurazioni) per adeguarsi al mutare delle esigenze.

Per maggiori dettagli vi rimando all’annuncio ufficiale Microsoft e al documento HP Client Virtualization.

Buona giornata a tutti

Giorgio