Il team di sviluppo ha annunciato al disponibilità della versione definitiva degli Hyper-V Integration Services for Linux Version 2.1.

La nuova versione continua la strada intrapresa ormai da tempo da Microsoft (dai tempi di Virtual Server 2005 R2) di fornire supporto per la virtualizzazione delle piattaforme software più diffuse presso nei datacenter dei clienti e di favorire l’interoperabilità tra il mondo Windows e il mondo Linux.

La versione 2.1 degli Hyper-V Integration Services for Linux rende disponibili le seguenti funzionalità:

  • Supporto per i device sintetici: si tratta di device non emulati, che non hanno una controparte nel mondo fisico e che sono sviluppati specificamente per Hyper-V. In particolare viene aggiunto il supporto per scede di rete sintetiche e storage controller.
  • Supporto per Fastpath Boot: I device di avvio si avvantaggiano dei Virtualization Service Client per device a blocchi per migliorare le performance di boot delle macchine virtuali.
  • Sincronizzazione del tempo tra la macchina virtuale e il clock dell’host di virtualizzazione
  • Shutdown integrato: analogamente a quanto avviene per le macchine virtuali Windows, è ora possibile lanciare lo shutdown regolare delle macchine virtuali Linux dall’interfaccia di amministrazione di Hyper-V, da script o da System Center Virtual Machine Manager senza bisogno di collegarsi alla console di Linux
  • Supporto per Symmetric Multi-Processing: le distribuzioni supportate di Linux possono ora essere eseguite in macchine virtuali con fino a quattro processori virtuali.
  • Heartbeat: l’host di virtualizzazione è ora in grado di stabilire se il sistema Linux in esecuzione nella macchina vrituale è funzionante e in grado di rispondere
  • Pluggable time source: è fornito un modulo pluggabile per fornire una migliore sorgente dei tempi alle macchine virtuali.

Non è invece compreso un driver sintetico per il mouse, ma nel file readme è possibile trovare le informazione su come ottenere questo driver (ImputVSC).

Questa versione degli Hyper-V Integration Services for Linux non richiede l’uso del kernel Linux modificato Xen e supporta le seguenti versioni di Linux:

  - Novell SUSE Linux Enterprise Server 10 SP3 (x86/x64)

  - Novell SUSE Linux Enterprise Server 11 (x86/x64)

  - RedHat Enterprise Linux 5.2 (x86/x64)

  - RedHat Enterprise Linux 5.3 (x86/x64)

  - RedHat Enterprise Linux 5.4 (x86/x64)

  - RedHat Enterprise Linux 5.5 (x86/x64)

Dal Microsoft Download Center è possibile scaricare gli Hyper-V Integration Services for Linux 2.1 .

Per il supporto è possibile accedere al forum Linux Integration Services (in inglese).

Buon fine settimana

Giorgio