Uno dei problemi critici che si debbono affrontare nella gestione di un datacenter virtualizzato è come mantenere aggiornate le macchine virtuali offline.

Se non si mantengono aggiornate queste macchine virtuali con i correttivi di sicurezza al loro avvio si rischia un’immediata compromissione da parte di tool di attacco (virus, trojan, ecc) che non si può escludere a priori essere presenti sulla nostra rete.

Microsoft ha per questo rilasciato da tempo l’Offline Virtual Machine Servicing Tool.

Si tratta di uno strumento che usando Windows Workflow Foundation e PowerShell e appoggiandosi a System Center Virtual Machine Manager, System Center Operations Manager e Windows Server Update Services aiuta a mantenere aggiornate le macchine virtuali mantenute offline.

Ieri è stata rilasciata la nuova versione del prodotto, la 2.1, che supporta la wave R2 dei prodotti.

Offline Virtual Machine Servicing Tool 2.1 è in grado di lavorare con i seguenti prodotti:

  • System Center Virtual Machine Manager 2008 R2
  • System Center Configuration Manager 2007 SP2
  • Windows Server Update Services 3.0 SP2

ed è in grado di aggiornare anche macchine virtuali con Windows Server 2008 R2 e Windows 7 oltre alle versioni precedenti dei sistemi operativi già supportate dalla versione precedente.

Per maggiori informazioni potete andare sul sito ufficiale dell’ Offline Virtual Machine Servicing Tool 2.1 e potete scaricare gratuitamente il tool qui.

Giorgio