Da PDC 2008 o da annunci legati a questo evento arrivano notizie anche su Windows Server 2008 R2, la prossima versione del sistema operativo server di Microsoft.

Vediamo quali sono le cose interessanti che sono state rivelate:

  • Windows Server 2008 R2 sarà SOLO a 64Bit.
    Non sarà rilasciata una versione di questo sistema operativo a 32 bit pur potendo ovviamente utilizzare applicazioni sia a 64 che a 32 bit (sulla piattaforma x64)
  • Virtualizzazione: in Windows Server 2008 R2 saranno rese disponibili le seguenti novità
    • Live Migration: spostamento di macchine virtuali tra diversi host di virtualizzazione senza interruzione di servizio e delle connessioni utente.
    • Clustered Shared Volumes: Con Live Migration arriva anche un file system clusterizzato che consente la condivisione di una LUN tra diversi host andando così a risolvere il problema, presente in Windows Server 2008, della mappatura 1:1 tra VM e LUN per avere migrazioni indipendenti delle VM
CSV

    • RemoteApp and Desktop Connection (RAD): una forma di accesso alle risorse applicative aziendali trasparente all’utente. Accedendo ad un sito l’utente viene rediretto verso un Terminal Server o una macchina virtuale in esecuzione su Hyper-V in modo completamente trasparente. Le nuove RemoteApp inoltre consentono l’impacchettamento di desktop e applicazioni e il loro delivery verso Windows 7 con un’integrazione tale con il desktop che rende molto difficile all’utente distinguere cosa è installato localmente e cosa in esecuzione remota. Queste funzionalità sono disponibili anche per client Windows Vista e Windows XP via Web Access
    • Terminal Services Broker: il nuovo broker di Terminal Services può essere utilizzato per supportare architetture VDI e contiene le migliorie necessarie a supportare il nuovo protocollo RDP
    • Protocollo RDP: la nuova versione del protocollo RDP consente la redirezione di contenuti multimediali, del microfono, di DirectX, Aero e molto altro ancora
    • Interoperabilità con Windows Azure: sarà possibile spostare macchine virtuali con Windows Server 2008 R2 dal datacenter aziendale al cloud e viceversa

  • Management: anche in quest’ambito le novità sono molte
    • Un nuovo insieme di management console per la gestione dei diversi ruoli server
    • PowerShell v. 2: questa nuova versione della shell Microsoft contiene molte novità:
      • una modalità grafica che consente in un’unica finestra di scrivere/modificare codice e vedere i risultati della sua esecuzione
      • oltre 240 nuove command let (cmdlet) molte delle quali provenienti dai team di sviluppo di altri prodotti Microsoft. Segnalo la presenza di un insieme di cmdlet native per la gestione di Hyper-V e di un provider per la gestione da command line di Active Directory
      • La capacità di remoting

GPowerShell 

    • Una nuova console per la gestione di AD
    • Un’ulteriore estensione delle Group Policy
  • Web: in quest’ambito le novità passano per un aggiornamento di IIS7
    • Gestione nativa via PowerShell
    • Inserimento di estensioni adesso disponibili attraverso il sito IIS.NET
    • Nuove capacità di reporting
    • Migliori tecnologie di deployment con il supporto di Silverlight e PHP
  • Direct Access: questa nuova funzionalità (disponibile per l’accoppiata Windows Server 2008 R2 – Windows 7) sfrutta SSTP e IPv6 per consentire l’accesso alle risorse aziendali da ovunque senza la necessità di creare VPN. Se è disponibile una conessione ad Internet sono disponibili anche le risorse azinedali, in modo sicuro, basato su policy, ecc…

Direi che come prima overview non c’è male.

Per maggiori informazioni vi rimando a

Buona giornata a tutti

Giorgio