Forefront. Forefront per Exchange e Forefronte per SharePoint, che saranno rilasciati a breve, offrirando una protezione estesa per Exchange e SharePoint da virus, spam e contenuti non autorizzati. La nuova versione di Exchange (e la nuova architettura con al centro l'Hub role) permetteranno la creazione di regole e policy lato server per la gestione della posta, la confidenzialità. Sono state fatte vedere inoltre le funzionalità relative alle Retention Policies di Exchange, e la possibilità di integrare tra loro Exchange e SharePoint e la creazione di workflow all'interno di SharePoint.

Le funzionalità antivirus per i client saranno rese disponibili con Forefront Client Security.

Sono state fatte vedere inoltre le funzionalità di blocco via Group Policy dei device USB, e le funzionalità di hard drive encryption disponibili sfruttando le funzionalità di Bitlocker in Windows Vista.

Longhorn Server. L'obiettivo è che la nuova versione lavori side by side, senza problemi, con le versioni precedenti di Windows Server, 2000 e 2003, permettendo di integrare le nuove funzionalità in modo graduale nell'infrastruttura esistente. Le versioni Server Core offriranno delle immaigni "minime" del sistema operativo, con i servizi base, per ridurre la superfice di attaco dei server chiave, come il DHCP. IIS 7 sarà parte di Longhorn Server e costituirà la nuova piattaforma web modulare Microsoft. Le funzionalità di sicurezza di Longhorn Server estenderanno quelle di Windows Vista,

Windows PowerShell. L'obiettivo della nuova shell è fornire un ambiente di scripting estremamente flessibile ed affidabile, per semplificare le attività di management in ambienti anche molto complessi. MySpace ad esempio sta utilizzando PowerShell per ridurre in modo drammatico i tempi ed i costi necessari per gestire la loro infrastruttura. Demo molto bella di PowerShell, con tanto di deployment di una applicazione PHP su di una webfarm di IIS 7, il tutto fatto via script e con la possiblità ad esempio di avere l'output live di performance counters e dati WMI in formato grafico utilizzando command-lets sviluppate dai partner.

Virtualization. Il futurò sarà quello di avere all'interno dello stesso sitema operativo servizi virtualizzati, disponibili in più istanze, dando la possibilità di sfruttarli al meglio ad esempio per i servizi di hosting. SoftGrid permette di "virtualizzare" le applicazioni, rendendole disponibili anche in versioni diverse, side by side, sulla stessa macchina.

System Center Virtual Machine Manager permetterà di gestire al meglio i sistemi virtualizzati, insieme ai componenti ad hoc che verranno realizzati con SMS, il cui obiettive è di nuovo rendere semplice e non costosa la gestione dei sistemi virtualizzati.

Le novità riguarderanno la possibiltà di sfruttare i componenti hardware di virtualizzazione e Windows Virtualization su Longhorn Server, sfruttando più processori fisici all'interno delle macchine virtuali, che potranno essere anche a 64 bit, con la possibilità ad esempio di aumentare live la quantità di memoria assegnata alla singola macchina virtuale o il numero dei processori assegnati.

Bob Muglia ha ringraziato inoltre per i feedback ricevuti in questi anni da partner e clienti, che hanno reso possibile di migliorare i prodotti esistenti e quelli futuri. 

 

 Renato