Buongiorno a tutti....

Con buon anticipo rispetto alla normale frequenza di rilascio delle “Service Pack” (SP) di SQL Server 2008, lo scorso 6 Ottobre è stata rilasciata la "Service Pack 3" (SP3); come ben sapete questo blog non è uno dei tanti (troppi !) che segnalano la semplice uscita di qualche aggiornamento, quindi fatemi “incollare” i links alle componenti principali della documentazione e poi vediamo di aggiungere alcune informazioni utili:

Main Download Page

http://www.microsoft.com/download/en/details.aspx?displaylang=en&id=27594

List of issues that are fixed by SQL Server 2008 Service Pack 3

http://support.microsoft.com/kb/2546951/en-us

Microsoft SQL Server 2008 SP3 Release Notes

http://social.technet.microsoft.com/wiki/contents/articles/microsoft-sql-server-2008-sp3-release-notes.aspx

Readme

http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkId=229521

 

NOTA: La build di riferimento per SQL Server 2008 una volta installata la "Service Pack 3" (SP3) è la “10.00.5500.00”.

 

Subito tre considerazioni importanti sulla SP3:

  • Con l'uscita della SP3, la "Service Pack 1" (SP1) di SQL Server 2008 è ufficialmente fuori supporto, come da "Lifecycle Policy" standard Microsoft:

 

Support ends 12 months after the next service pack releases or at the end of the product's support lifecycle, whichever comes first.
For more information, please see the service pack policy at http://support.microsoft.com/lifecycle/#ServicePackSupport

 

  • Questa SP contiene tutti gli aggiornamenti (ovviamente) della SP2 più le Cumulative Update (CU) dalla 1 alla 4 comprese, quindi se avete la CU5 o CU6 (ad oggi queste sono quelle disponibili), dovete aspettare il futuro rilascio della CU1 per SQL Server 2008 SP3.

The SQL Server 2008 builds that were released after SQL Server 2008 Service Pack 2 was released

http://support.microsoft.com/kb/2402659/en-us

 

  • Ovviamente contiene anche l’unico bug (quasi :-),vedi post precedente sull’argomento in questo stesso blog) di sicurezza finora rilasciato per SQL Server 2008 (MS11-049):

http://www.microsoft.com/technet/security/bulletin/MS11-049.mspx

 

Dunque, a questo punto vorrei rimarcare una cosa che troppe volte viene trascurata se non proprio dimenticata: leggetevi sempre I documenti di “Readme” e “Release Notes” che accompagnano ogni rilascio perché è qui che trovate preziose informazioni del tipo: pre-requisiti, problemi di installazione, compatibilità, nuove funzionalità, istruzioni “speciali” per installazioni cluster, mirror, replica e quant’altro; tre fulgidi esempi da questi file di documentazione:

Problema noto di installazione:

If you apply a SQL Server cumulative update to an instance of SQL Server where the features are not all at the same version level, the update will fail. To avoid this failure, you must ensure that all the features in an instance of SQL Server are at the same version of SQL Server.

Falso problema di installazione:

You might see SQL Server 2008 R2 features included in the list of features to be updated by the SQL Server 2008 service pack on the Select Feature or Ready to Update page. SQL Server 2008 R2 components are not affected by the SQL Server 2008 service pack update. No action is required.

You might see SQL Server 2008 R2 components in the list of features on the Select Feature or Ready to Uninstall page when removing a SQL Server 2008 service pack update. SQL Server 2008 R2 features are not uninstalled during this process. No action is required.

Nuove funzionalità:

  • Enhanced upgrade experience from previous versions of SQL Server to SQL Server 2008 SP3;
  • Increased the performance & reliability of the setup experience;
  • In SQL Server Integration Services logs will now show the total number of rows sent in Data Flows;
  • Enhanced warning messages when creating the maintenance plan if the Shrink Database option is enabled;
  • Resolving database issue with transparent data encryption enabled and making it available even if certificate is dropped;
  • Optimized query outcomes when indexed Spatial Data Type column is referenced by DTA (Database Tuning Advisor);
  • Superior user experience with Sequence Functions (e.g Row_Numbers()) in a Parallel execution plan;

Altro aspetto importante: cosa non contiene questa SP3 ? Come al solito, nei pacchetti di aggiornamento di una SP, non vengono incluse le seguenti componenti per cui è necessario un download separato:

 

Come per le altre precedenti SP, valgono le seguenti regole per la SP3 di SQL Server 2008:

  1. Prima e più importante: prima di installare la SP3 su una istanza SQL che ospita database relativi ad applicazioni, è necessario avere la conferma della supportabilità/compatibilità dal fornitore dell'applicazione stessa, ove possibile; ad esempio, prima di installare la SP3 su una istanza SQL che ospita uno o più database di Sharepoint è necessario avere la conferma da Microsoft che la cosa è supportata (= testata !);
  2. Può essere disinstallata;
  3. Supporta l’installazione in modalità “Slipstream”;
  4. In installazioni Cluster, al contrario di SQL Server 2005 (e precedenti), si parte con l’aggiornamento dei nodi passivi; se per caso lanciate il setup su un nodo dove è attiva l’istanza che volete aggiornare un messaggio di “Warning” Vi avvertirà della cosa e Vi chiederà conferma prima di
    procedere, ovviamente ciò comporterà un disservizio;

IMPORTANTE: Le SP di SQL Server 2008 (e successivi) contengono una logica per cui quando installate la SP sul [n/2]+1 – esimo nodo, cioè passata la maggioranza dei nodi, il setup eseguirà automaticamente il failover dell’istanza interessata su uno dei nodi già aggiornati. Se non volete che questo accada e volete essere Voi a decidere quando spostare l’istanza, dovete lanciare il setup a riga di comando con lo switch “CLUSTERPASSIVE” come potete verificare lanciando l’eseguibile con l’opzione “/?”:

Usage:

 setup.exe /[option]={value} /[option]={value}
...

 Options:

ACTION                           Specifies a Setup work flow, like INSTALL, UNINSTALL, or UPGRADE. This is a required parameter.

ALLINSTANCES             Specifies that all instances are to be included in the Setup operation. This parameter is only supported when applying a patch.

CLUSTERPASSIVE        Specifies that SQL Server Setup should not manage the SQL Server services. This option should only be used in a non-Microsoft cluster environment.

HELP                               Displays the command line parameters usage

INDICATEPROGRESS   Specifies that the detailed Setup log should be piped  to the console.

INSTANCENAME            Specify a default or named instance. MSSQLSERVER is the default instance for non-Express editions and SQLExpress for Express editions.

QUIET                              Setup will not display any user interface.

QUIETSIMPLE                Setup will display progress only without any user interaction.

X86                                  Specifies that Setup should install into WOW64. This command line argument is not supported on an IA64 or a 32-bit system.

              

      5.In caso di configurazione in “Mirroring”, c’è un ordine ben preciso che, in generale, prevede l’applicazione prima sul “Witness” (se presente), quindi sul “Mirror”, infine sul “Principal”, i dettagli li trovate nel seguente articolo di KB valido anche per SQL 2008:

How to install service packs and hotfixes on an instance of SQL Server 2005 that is configured to use database mirroring

http://support.microsoft.com/kb/926824/en-us

      6. Anche in caso di configurazione in “Replication”, c’è un ordine ben preciso, in generale si parte dal “Distributor”, quindi il “Publisher”, infine i “Subscriber”, i dettagli li trovate nel seguente articolo di KB valido anche per SQL 2008:

How to apply a hotfix for SQL Server 2005 in a replication topology

http://support.microsoft.com/kb/941232/en-us

 
      7. Se poi avete una configurazione estremamente complessa che comprende sia “Mirroring” che “Replication”, è necessario adottare estrema cura e seguire le indicazioni del seguente articolo:

How to apply a hotfix for SQL Server 2005 or SQL Server 2008 in a transactional replication and database mirroring topology

http://support.microsoft.com/kb/977051/en-us

 


       8. Un singolo “run” del Setup, oltre ad aggiornare le “Shared Components”, offre la possibilità di aggiornare più istanze SQL Server 2008, se presenti sulla macchina;

       9. Le componenti “Shared Components” (Native Client, MMC, tools vari) verranno obbligatoriamente aggiornate al primo lancio del setup;

     10. Con i path di default per l'installazione di SQL Server 2008, il file di log dell'installazione è localizzato nel seguente folder, è necessario averlo in caso di problemi relativi ad installazioni fallite ed è consigliabile verificare l'avvenuta installazione con successo:

C:\%Program Files%\Microsoft SQL Server\100\Setup Bootstrap\LOG\

Overall summary:

Final result:                  Passed

Exit code (Decimal):           0

Exit message:                  Passed

Start time:                    2011-10-12 11:35:26

End time:                      2011-10-12 11:41:47

Requested action:              Patch

 [……]

 Instance <<instance name>> overall summary:

  Final result:                  Passed

  Exit code (Decimal):           0

  Exit message:                  Passed

  Start time:                    2011-10-12 11:39:20

  End time:                      2011-10-12 11:41:44

  Requested action:              Patch

 E anche per questa volta è tutto, buon lavoro.

 

--Igor Pagliai--