hit counter
Chi di voi ha provato l’ebbrezza di indossare le maschere di ossigeno in volo? - NonSoloSecurity Blog di Feliciano Intini - Site Home - TechNet Blogs

NonSoloSecurity Blog di Feliciano Intini

Notizie, best practice, strategie ed innovazioni di Sicurezza (e non solo) su tecnologia Microsoft

Chi di voi ha provato l’ebbrezza di indossare le maschere di ossigeno in volo?

Chi di voi ha provato l’ebbrezza di indossare le maschere di ossigeno in volo?

  • Comments 16
  • Likes

… io purtroppo sì, ma sono strafelice di poter essere ancora qui con voi a raccontarvelo!

Questo lunedì sono partito da Malpensa con volo Austrian Airlines diretto a Vienna per un meeting/training interno, e mentre ci stavano servendo il consueto snack, all’improvviso… pluff, si sono aperti gli sportellini e sono discese giù tutte le maschere di ossigeno: momento di smarrimento… ci siamo guardati tra noi come a dirci “cos’è un’esercitazione?”. Quando abbiamo visto gli occhi delle hostess e la loro corsa nel riporre il carrellino a posto abbiamo capito che la faccenda era seria…

Siamo stati invitati tutti a indossarle in gran fretta: sembra facile, l’hai sentito cento volte raccontare dalle istruzioni di sicurezza che ormai non ascolti più all’inizio di ogni volo, ed ora ti serve, e questa benedetta maschera non riesci a tirarla giù con le buone… vedi le hostess correre ad aiutare chi non ci riesce e temi che i secondi siano preziosi … e la tiri giù con uno strappo deciso, iniziando a respirare e cercando di calmare il battito del cuore che ti batte forte…

Smartphone 043

Silenzio… tutti sono praticamente impietriti dalla situazione… e dal terrore di quello che potrebbe accadere…

L’aereo vola tranquillo, i motori sembrano funzionare, il cielo è limpido… ma tu hai indosso una maschera d’ossigeno, il comandante ha chiamato l’equipaggio alla procedura di emergenza e tu vedi dal finestrino le alpi innevate sotto di te… minuti che sembrano delle ore in cui devi confrontarti con la seria possibilità di morire, sì proprio quella, e l’atroce, lancinante possibilità di non poter più abbracciare i tuoi cari… un’angoscia infinita cari lettori, un’esperienza purtroppo indimenticabile… che non auguro a nessuno…

Dopo poco prima l’hostess e poi il comandante segnalano, in tedesco e in inglese, “Please stay calm, the situation is under control, please keep on your oxygen mask” e ti viene naturale chiederti “sì, ma sarà vero che la situazione è sotto controllo?”. L’aereo scende dolcemente alla quota di sicurezza e dopo 15 minuti ci viene indicato che possiamo togliere le maschere e che saremmo atterrati nell’arco di 20 minuti, con “un atterraggio normale, non di emergenza”, sottolineano.

Smartphone 045 Atterriamo a Salisburgo, e nel giro di un’ora riescono a procurare un paio di pullman per trasportarci a Vienna dopo 3 ore di autostrada, giusto il tempo di giungere a mezzanotte, digiuno e provato dalle emozioni… pronto, si fa per dire, per un nuovo giorno di lavoro.

Scusatemi se ho condiviso questa esperienza personale, ma volevo approfittarne per suggerire di non lasciarci demoralizzare dalle piccole e grandi tristezze quotidiane… ricordiamoci di quel grande dono che è la vita…

Un bacione alla mogliettina e al piccolo uomo di casa, i miei tesori.

Alive and kicking!

P.S. Il bello di trovarsi ad un passo dall’ufficio di Carlo è che, quando è in vena Web 2.0 :-)… puoi ritrovarti con una telecamera piantata addosso e le spalle al muro ;-). 

Video su MClips: Ma quale sicurezza? 

Aggiornamento del 6 maggio: a completamento della vicenda riporto l’email che la nostra agenzia viaggi ha ricevuto dalla compagnia aerea:

Gent.le Sig. Intini!

In nome di Austrian Airlines mi preme porLe le piu sentite scuse per l´inconveniente causato dalla diversione del Suo volo OS514 in data 3. maggio in viaggio da Milano Malpensa a Vienna.

Nel corso del volo in cabina di pilotaggio e stato avvertito un segnale di allarme relativo alla pressurizzazione della cabina. Il capitano ha reagito, come previsto dalle procedure del caso, attivando le maschere d´ossigeno e procedendo all´atterraggio sul piu vicino aeroporto di Salisburgo. L´atterraggio a Salisburgo ha rappresentato una scrupolosa misura di sicurezza, l´ossigeno nella cabina e stato infatti per tutto il corso del volo a livelli di norma. Successivamente i Sig. passeggeri sono stati trasportati a Vienna con l´autobus, il che comprendiamo causo non pochi disagi e strapazzo.

Per fare in modo che questo volo non rimanga nella Sua memoria come un esperienza negativa, come gesto di scusa per le inconvenienze accadute, e come segno della nostra considerazione, mi permetto di inviarLe un buono del valore di €125.- da utilizzare per voli Austrian Airlines. […] Mi preme scusarmi ancora a nome di Austrian Airlines per l´inconveniente accaduto. Ci farebbe veramente piacere avere la possibilita di darLe al piu presto il benvenuto a bordo di un volo Austrian Airlines.

OK rimane il mistero di cosa sia accaduto, ma secondo voi una compagnia italiana avrebbe fatto lo stesso e così in fretta nel prendersi cura dei suoi clienti?

Feliciano

Comments
  • Ho letto con grande attenzione...

    Mamma mia... spero di non dover MAI provare una cosa del genere, rischierei di avere un infarto credo! Io ho già il cuore in gola con le piccole turbolenze...

    Tutte le volte che devo prendere un aereo, mi assicuro di aver un posto appena dietro l'ala, NON SOPRA, ma appena dietro perchè almeno riesco a tenere "sotto controllo" la situazione. Ovviamente vicino al finestrino. Tutte le volte presto mooolta attenzione ai vari "comportamenti" dell'ala, rumori e scie d'aria varie, in modo che la prossima volta so se è tutto normale o meno.

    Durante il decollo e l'atterraggio non ho molta paura come invece di solito accade, penso che quella sensazione sia normale visto la manovra. Invece quando durante il volo normale, vedo accendersi il segnale di allacciare le cinture... HELP! :-(

    Che brutta cosa!!! Io ho subito i tuoi pensieri durante il rientro da un volo da Amsterdam... VERAMENTE, VERAMENTE brutto. (e mi ero addirittura ripromesso di non prenderne più uno... ma come si fa?!)

    Beh, ben rientrato! :-)

  • Grazie Patrickweb :-)... ma sei proprio sicuro che valga la pena avere lo spirito da supervisor per capire se è tutto normale? Daiiii rilassati.... :-)

  • Vero... eppure...

    Se ti faccio vedere anche tutte le foto che ho fatto alle ali durante l'atterraggio, mi prendi proprio per "matto" ;-p

  • Hai tutta la mia solidarietà, caro Feliciano, e spero che questa brutta esperienza non ti denmoralizzi, ma anzi ti renda piùforte e più sicuro di prima, visto che di aerei te ne tocccherà prendere chissà quanti altri, e talvolta per tratte anche più lunghe!!!

    Un abbraccio.

  • Grazie poohlover63! Hai ragione... chissà quanti altri aerei :-(

  • Mamma mia!!! Feliciano che avventura!!! Non sono riuscito a staccare gli occhi dal monitor.

    Come dice il saggio... tutto bene quel che finisce bene!!

    (Nick Carter)

  • ... e l'ultimo chiude la porta!!! Siamo proprio vecchi io e te, se ci ricordiamo di Supergulp http://www.supergulp.it/

    Ciao Matteo!

  • mmmm.....accidenti..!! che paura, Feliciano hai tutta la mia solidarietà.  Hai ragione sulla vita e sulla famiglia, certe volte ci dimentichiamo della loro importanza.

    Uff....ora sono preoccupato, settimana prossima volo per lavoro, da Verona a Catania.....!!

    mmmmmm.....!!!

    ciao Feliciano.

    Francesco

  • Grazie Francesco, ma davvero, non volevo svegliare tutte le vostre paure... stay "tranquill" :-)

  • Ti sono nel cuore  [come si dice] Ma almeno hai avuto la fortuna di non fare un atterraggio di emergenza... prova a pensare un Monaco-Firenze che rientra a Monaco ed atterra senza carrelli anteriori... quante esercitazioni, quanti urli e svenimenti. Poi una notte nell'albergo dell'areoporto e di nuovo in volo per tornare dalla famigliola...

  • Caspita, hai ragione, di fronte alla tua esperienza ... la mia è proprio poca cosa...

  • Credo che l'infarto sarebbe stato assicurato, è il mio terrore nei viaggi in aereo...ma poi hanno spiegato cosa fosse successo?

  • .....posso confermare.....!!! Su quel volo c'ero anch'io...!!!! Aggiungendo posso dire che sono tre le cose che ricordo bene di quei minuti infiniti: 1) l'affidamento a Nostro Signore; 2) avrò messo bene 'sta cavola di maschera; 3) cosa succederà adesso: asfissia, caduta su una delle cime alpine, attacco terroristico, .... Comunque dopo 3 giorni ho ripreso lo stesso aereo, di ritorno, leggendo la Gazzetta dello Sport sulla mia mitica Inter ed anche dormendo un pò....!!! Saluti

  • @Irene, no, ma hanno inviato l'email di scuse che ho aggiunto al post... sicuramente un gesto gradito!

    @Roberto: potenza del web! Ben ritrovato, compagno di avventura! Perdonami Roberto, ma devi aiutarmi a capire come sei giunto sul mio blog, sono troppo curioso. Dov'eri sul volo, nelle file anteriori o posteriori? Pensi che ci si sia incrociati una volta atterrati, o sull'autobus? In ogni caso, good luck!

  • Feliciano, io ero alla fila 10 posto F, insieme ad alcuni colleghi del Politecnico di Milano (io venivo dalla Calabria), per andare ad un convegno internazionale a Vienna. Sul pullman ero su quello che è arrivato a Vienna centro.

    Del blog ne è venuto a conoscenza un mio collega, che fece la ricerca con google avendo saputo che la notizia era uscita su qualche quotidiano.

    A livello statistico, comunque, possiamo stare sicuri a questo punto per diversi anni. Questo è il lato positivo della vicenda. Good luck anche a te!!!

Your comment has been posted.   Close
Thank you, your comment requires moderation so it may take a while to appear.   Close
Leave a Comment