hit counter
Privacy is not dead. Le scuse di Google Buzz e le giustificazioni di Facebook - NonSoloSecurity Blog di Feliciano Intini - Site Home - TechNet Blogs

NonSoloSecurity Blog di Feliciano Intini

Notizie, best practice, strategie ed innovazioni di Sicurezza (e non solo) su tecnologia Microsoft

Privacy is not dead. Le scuse di Google Buzz e le giustificazioni di Facebook

Privacy is not dead. Le scuse di Google Buzz e le giustificazioni di Facebook

  • Comments 1
  • Likes

[English readers: you can find English links in this post for your convenience]

Il tema Privacy non è mai stato così caldo come in questo periodo. Stiamo assistendo ad una serie di importanti dietro-front sul fronte di contestate impostazioni per la gestione della privacy degli utenti da parte di importanti player tecnologici.

Prima Google Buzz:

The Onion: Google Responds To Privacy Concerns With Unsettlingly Specific Apology

Le perplessità non sono poi così infondate se sono in grado di produrre problemi come questo:

Google Buzz Privacy Flaw Snags Another Victim: White House Deputy CTO Andrew McLaughlin

A quanto pare sembra che proprio l’altro ieri Google abbia segnalato una modifica nell’approccio: sarà quella ottimale?

Poi è stata la volta di Facebook: a marzo ha segnalato una modifica nella sua Privacy policy che renderebbe possibile la condivisione automatica delle vostre informazioni con una serie di siti web pre-approvati.

Nonostante in questi giorni Facebook abbia tentato di giustificare il suo approccio, emerge che gli utenti non siano d’accordo:

Cluley’s Blog: 95% don't support Facebook privacy changes, poll reveals

Vi segnalo il contributo alla discussione da parte di Omar Shahine, Lead Program Manager del Windows Live Social Networking team:

Microsoft Privacy and Safety Blog: Privacy is Not Dead 

Voi cosa ne pensate? Vi sentite tutelati da questo approccio che tiene in considerazione il parere degli utenti solo dopo che si lamentano e non prima?

Feliciano

Other related posts/resources:

Comments
  • Non credo nella buona fede di Facebook... e se vogliamo neanche in quella di Buzz...

    Dico che se si vuole mettere al primo posto la propria privacy, da Facebook in primis e poi anche da Buzz, bisogna stare alla larga!

    In ogni caso "il mondo" è lì, e difficilmente se ne può fare a meno. Dovrebbero esserci delle ditte specializzate che studiano i vari social network per vedere se effettivamente stanno facendo qualcosa di scorretto per tentare di sottrarre info personali agli utenti, difficilmente un utente medio se ne renderebbe conto.

Your comment has been posted.   Close
Thank you, your comment requires moderation so it may take a while to appear.   Close
Leave a Comment