hit counter
Primi notebook con il Privacy Screen nativo - NonSoloSecurity Blog di Feliciano Intini - Site Home - TechNet Blogs

NonSoloSecurity Blog di Feliciano Intini

Notizie, best practice, strategie ed innovazioni di Sicurezza (e non solo) su tecnologia Microsoft

Primi notebook con il Privacy Screen nativo

Primi notebook con il Privacy Screen nativo

  • Comments 4
  • Likes

InformationWeek segnala il rilascio da parte di DELL di un notebook Latitude E6400 fornito nativamente di un Privacy Screen, uno monitor che permette la piena visualizzazione dell'immagine solo a chi è posto di fronte allo schermo e appare opaco alla vista di chi cerca di sbirciare ponendosi al vostro fianco, o guardicchia da dietro le vostre spalle (da cui il termine "over-the-shoulder attack"). L'aspetto interessante è che questa funzionalità viene realizzata tramite il software che controlla l'emissione dei pixel dello schermo LCD in modo da ridurre l'angolo di piena visibilità solo a 30°: chi guarda da una inclinazione di più di 15° rispetto all'asse vede uno schermo bianco. Fino ad ora per ottenere questa Privacy feature si doveva ricorrere a delle pellicole plastiche (esempio della 3M) che riducono la luminosità (DELL dice che in questo caso non viene modificata in modo significativo) e che, come si può immaginare, non permettono una comoda attivazione/disattivazione (in questo caso si controlla da tastiera). Se teniamo conto che il costo di questa opzione è di 139 dollari, direi che è una buona Privacy feature di cui dotarsi, soprattutto per chi usa molto il notebook in aereoporto (come me: ora sono costretto a guardarmi alle spalle sempre paranoicamente prima di digitare le password...).

Privacy_Screen_by_DavideSe invece siete ancora più paranoici e questo schermo non vi basta ho la soluzione che fa per voi! Eccovi la soluzione perfetta a questo tipo di attacchi, una soluzione che avevo visto tempo fa sul blog del mio amico Marco Misitano e che ho serbato con cura fino ad oggi (La foto è di Davide, collega di Marco). Scopro che il Misi le sta collezionando tutte: oltre alla versione invernale che vi ho riportato, non perdetevi quella da campeggio, e da piscina.

Comments
  • PingBack from http://www.grabbernews.com/primi-notebook-con-il-privacy-screen-nativo-23150.html

  • Mi fa sorridere pensare al fatto che per aumentare la sicurezza, hanno dovuto far evolvere gli lcd talmente tanto da farli ritornare antiquati (e chi ha mai provato a guardare dal fianco un portatile vecchiotto sa di cosa parlo).

    Però ho una domanda: come può essere ridotto un attacco over the shoulder in questo modo? Vado a occhio, ma come intuizione, digitare la password è sempre un'operazione a rischio. Ok, non posso contare il numero di caratteri, ma per carpirti la password io non guardo il monitor, guardo la tastiera.

  • Ciao Blackstorm, verissimo, l'effetto finale è quello di ritornare al passato! Sulla tua domanda: se si restringe il concetto di attacco over the shoulder per carpire la password hai perfettamente ragione, questi sistemi non servono (ogni meccanismo di richiesta password che si rispetti dovrebbe sempre mostrare gli asterischi proprio a questo scopo). Probabilmente ti ho indotto io a legare questi concetti, parlando dell'areoporto.

  • Beh, hai parlato di over the shoulder attack, per cui mi viene naturale pensare alla questione delle password. Il punto è che i miei dati in genere tendono ad essere rilevanti fino ad un certo punto. Non so, forse sono troppo lasco sulla sicurezza, ma ritengo che a nesusno possa fregare di meno se sto giocando a morrowind oppure sto scrivendo per il mio blog. Sarà che non ho mai usato un portatile, per cui non sento questa ossessione... Però, ripensandoci, forse può essere utile... magari per vedere i film con le donnine che fanno le cosacce brutte :D (battuta ma fino ad un certo punto... non mi stupirebbe epr nulla se qualcuno lo usasse in questa maniera...)

Your comment has been posted.   Close
Thank you, your comment requires moderation so it may take a while to appear.   Close
Leave a Comment