hit counter
La Microsoft che vorrei ... e voi ? - NonSoloSecurity Blog di Feliciano Intini - Site Home - TechNet Blogs

NonSoloSecurity Blog di Feliciano Intini

Notizie, best practice, strategie ed innovazioni di Sicurezza (e non solo) su tecnologia Microsoft

La Microsoft che vorrei ... e voi ?

La Microsoft che vorrei ... e voi ?

  • Comments 2
  • Likes

Eccomi tornato da Redmond ... fresco fresco ... (bel tempo ma faceva un freddo !). Non ho baciato il suolo natio come fa il Papa quando va in tour solo per non essere direttamente prelevato da uomini in camice bianco... ma la gioia profonda di ritornare in Italia è indescrivibile !!

E' stata una esperienza unica e spero sia la prima di tante altre, per tanti motivi.

Il primo di questi è l'aver avuto la possibilità, come già accennato, di poter conoscere e di potermi confrontare con le diverse figure che a vario titolo contribuiscono alla definizione della strategia di sicurezza di Microsoft, a partire dalla vetta (avevo Scott Charney, Vice President del Trustworthy Computing a portata di stretta di mano ... è la persona ritratta per ora nella home del TWC, e in questo video), proseguendo nei diversi Product Manager delle varie tecnologie di sicurezza (non ve li elenco sono tanti ...), per non citare le figure che, come me, seguono la condivisione della strategia di sicurezza nelle rispettive nazioni.

Delle tante considerazioni che hanno pervaso questa (estenuante) settimana di aggiornamento, e che vi proporrò man mano che chiacchereremo dei vari temi d'ora in avanti, quella che vi lancio oggi è la seguente:

 

come valutate l'evoluzione nel tempo della strategia di sicurezza di Microsoft da solo fornitore di software (di piattaforma, infrastruttura e applicativo) via via sempre più sicuro e irrobustito, al ruolo aggiunto (si badi bene, aggiunto al precedente, non sostituito ad esso) di fornitore di soluzioni di sicurezza ? Vedete contraddizioni ? Vedete la "solita" Microsoft asso-piglia-tutto ? Non vedete l'ora che avvenga ma siete scettici che si possa far bene entrambe le cose ? Fatemi sapere cosa ne pensate voi ...

 

Io che ho visto nascere (con l'iniziativa del TWC, 5 anni fa) e ho vissuto tutto l'evolversi dell'impegno Microsoft sulla sicurezza, sento questa mutazione graduale come abbastanza naturale.

Dico "abbastanza" perché è ovviamente più facile spiegare il progetto di lungo termine del TWC (che avrà un impatto importante sulla nostra esperienza di utenti tecnologicamente evoluti e allo stesso tempo protetti) e farvi apprezzare la sua bontà parlando come parte di un' azienda che si impegna solo a fare prodotti sempre più sicuri, rispetto alla situazione sempre più challenging (come dicono gli anglosassoni...) di condividere i motivi dietro le scelte strategiche di un' azienda che sta anche entrando nel vero e proprio mercato dei prodotti di sicurezza. Non è assolutamente banale entrare in questo mercato ed essere concorrenziali con chi lo fa da tanto tempo.

Dico "naturale" perché l'opera di irrobustimento della piattaforma ha subito mostrato le lacune dell'attuale industria del software di sicurezza, che meritavano di essere indirizzate, sia per completare il quadro di un approccio end-to-end (sapete meglio di me che la sicurezza è pari a quella del livello più debole nella catena del trattamento dell'informazione) necessario per il successo futuro del TWC, sia perché, se ben indirizzate, sono ghiotte occasioni di business (le aziende hanno obiettivi di fatturato, tutte, anche quelle dell'area Open Source ... non credo quindi sia il caso di scandalizzarsi). Quali sono queste lacune che Microsoft sta cercando di indirizzare con i suoi prodotti di sicurezza ? Piena integrazione con la propria piattaforma, vera interoperabilità con le piattaforme di terze parti, flessibilità e gestibilità per gli amministratori ed estrema semplicità per l'utente finale. Se penso alla Microsoft che vorrei nel mercato dei software di sicurezza, queste sono feature native che devono essere fatte e fatte bene per essere concorrenti, e a questo Microsoft sta lavorando: la strada non è corta... ma chi meglio di Microsoft ha gli strumenti per realizzare questa proposizione ?

Vi saluto, con una raccomandazione: non sono così "grande esperto" ... e dal vivo non sono così brutto come appaio nelle foto del caro collega di Redmond (grazie comunque, è stato un piacere conoscerti Paperino !), ricordate che ero alla fine di una settimana senza caffè e brioche  ...

Comments
Your comment has been posted.   Close
Thank you, your comment requires moderation so it may take a while to appear.   Close
Leave a Comment