Articolo originale pubblicato giovedì 17 maggio 2012

Ultimamente i clienti che usano Outlook Web App (OWA) hanno segnalato come prioritario l'argomento relativo all'accessibilità delle app Web. Un motivo di tutto questo interesse per l'accessibilità delle app Web è legato a uno standard prodotto da W3C denominato ARIA (Accessible Rich Internet Applications). Sebbene questo standard esista da tempo ormai, il supporto di ARIA è stato recentemente migliorato nei Web browser più comuni. Vogliamo condividere le nostre opinioni su questo argomento e segnalarvi che il supporto di ARIA verrà introdotto nelle prossime versioni di OWA.

Per accessibilità si intende il modo in cui consentire agli utenti con limitata capacità visiva, di movimento, di ascolto o di altro tipo l'accesso a tutte le funzionalità di un'applicazione tramite un'interfaccia utente ottimizzata per le condizioni di tale utente. Ad esempio, gli utenti non vedenti interagiscono con i computer tramite gli screen reader, che leggono il testo dell'interfaccia utente. Un altro esempio è rappresentato dagli utenti con difficoltà di movimento che non possono usare il mouse del computer e si avvalgono del riconoscimento vocale per dettare i comandi e su design alternativi della tastiera per spostarsi nell'interfaccia utente usando solo l'input della tastiera.

Microsoft Office, inclusa l'applicazione complementare di OWA Microsoft Outlook, ha garantito per anni un forte supporto di accessibilità tramite la tecnologia Microsoft Active Accessibility (MSAA) e più recentemente tramite i framework di automazione dell'interfaccia utente (UIA) sulla piattaforma Windows. Ma realizzare l'accessibilità è risultato più difficile per la posta elettronica basata sul Web a causa dell'incompatibilità tra numerose tecnologie di accessibilità e i nuovi comportamenti dinamici/complessi delle app Web. Abbiamo dovuto affrontare l'ardua scelta tra a) evitare la maggior parte dei comportamenti dinamici e complessi delle app Web per garantire un'elevata accessibilità oppure b) realizzare moderne app Web 2.0 senza il supporto all'avanguardia per l'accessibilità. Per OWA 2007 e 2010, non abbiamo potuto scegliere, quindi abbiamo seguito entrambe le strade. Abbiamo sviluppato OWA Premium che si avvale di tutto ciò che Web 2.0 ha da offrire e OWA Light che ha un'interfaccia utente molto accessibile, sviluppata quasi interamente su HTML 4.0. Quando gli utenti accedono alle proprie cassette postali di Exchange per la prima volta tramite OWA, viene loro chiesto se preferiscono usare l'esperienza OWA ottimizzata per l'accessibilità.

In passato le funzionalità di interoperabilità degli screen reader ed esplorazione tramite tastiera di OWA Light hanno offerto una soluzione di accessibilità che poche applicazioni Web moderne potevano eguagliare e sono state apprezzate dagli utenti che si avvalgono di tali funzionalità ogni giorno. Tuttavia gli standard Web si stanno evolvendo e in molti si chiedono se ARIA sia sufficientemente maturo da poter accantonare la soluzione basata su due interfacce utente e portare l'accessibilità di OWA a un livello superiore. Dopo aver osservato l'evoluzione di ARIA e averlo provato con le versioni recenti dei Web browser che supportiamo, la risposta è chiara: non vediamo l'ora di implementare ARIA nelle prossime versioni di Outlook Web App.

Kristian Andaker
Microsoft Group Program Manager
per conto del team OWA

Questo è un post di blog localizzato. L'articolo originale è disponibile in Is ARIA ready to make Web 2.0 accessible? The OWA team says "YES!"