Be_Lead Blog

<meta name="google-site-verification" content="bCevsYYY-jJcMEwxQf1QjoRsK3Qo57AtRCSQmRtS4UY" />

Intervista ai Microsoft MVP: Raffaele Rialdi

Intervista ai Microsoft MVP: Raffaele Rialdi

  • Comments 3
  • Likes

Ciao a tutti,

è da parecchio che ci penso ed alla fine mi sono deciso a partire con questa iniziativa credo  interessante. Per conoscere meglio il panorama delle Community online ed offline nostrane ed in particolare i maggior contributor,

Ogni settimana intervisterò un MVP Italiano. 7 Domande 7 per conoscerli meglio, dare un volto più personale ad ognuno di loro e, perchè no, capire le motivazioni che li spingono a partecipare così attivamente, con costanza e passione, a questo incredibile mondo.

Questo mese apre le danze: Raffaele Rialdi

Rialdi

Award in: Developer Security

Profilo MVP: https://mvp.support.microsoft.com/profile/raffaele

Blog: http://blogs.ugidotnet.org/raffaele

Professione: Senior Software Developer

Azienda: Vevy Europe - Advanced Technologies Division

Ciao Raffaele,

1) Cominciamo a scaldarci un pò chiedendoti cosa fai nella vita....

[Raffaele] Lavoro con il mio hobby preferito e il tempo libero lo passo con il mio hobby preferito … Okay, non proprio tutto, ho anche una splendida moglie e due meravigliosi bimbetti :)

Non è una sorpresa se ti dico che l’hobby in questione è sviluppare software e capire come funziona la tecnologia che mi capita sotto mano. Sono una di quelle persone che ha la fortuna di lavorare con le cose che gli piacciono. O meglio l’ho così fortemente voluto che quando il mio mestiere non esisteva ancora e in pochi conoscevano il significato del software, io ero determinato a fare della mia passione il mio lavoro.

2) Cosa significa, per te, essere un Microsoft MVP?

[Raffaele] Per me è un grandissimo onore far parte del gruppo MVP per tanti motivi. In questo gruppo ho trovato tante persone con la mia stessa passione, alcuni dei quali sono diventati carissimi amici. Ho scoperto la vera globalizzazione, entrando in contatto con persone in tutto il mondo con cui condividere amletici dubbi tecnologici. Ho potuto entrare in contatto ed incontrare di persona all’MVP Summit a Redmond i massimi esperti in Microsoft di tecnologie che ho sempre studiato e seguito con passione. Ho avuto il privilegio di avere anteprime di prodotti, di guardare i sorgenti di Windows come neppure la maggior parte degli stessi impiegati Microsoft possono fare, di poter influenzare alcune decisioni sullo sviluppo dei prodotti.

Fa inoltre piacere che sia un titolo riconosciuto nella community e non solo all’interno di Microsoft. Per esempio, durante il recente lancio di Visual Studio 2008 a Milano, una persona si è avvicinata al community booth chiedendoci se eravamo MVP. Voleva solo dirci “grazie” per quello che facciamo. Questo entusiasmo lo rivedo spesso e persino oltre oceano, durante la PDC a Los Angeles, quando una attendee dell’estremo oriente, notando il logo sul badge, mi chiese con visibile emozione se io fossi un MVP.

Per i non addetti ai lavori, presentarsi come MVP mi evita di farmi chiedere se posso aggiustare la stampante :)

3) Quali sono stati i tuoi più importanti risultati ottenuti, sempre in riferimento alle attività community?

[Raffaele] Le community sono un mondo importantissimo perché danno modo alle persone con una passione comune di entrare in contatto tra di loro e realizzare perciò un vero social networking. La socializzazione con le persone del tuo rione difficilmente ti darà modo di entrare in contatto con persone che condividono le tue passioni, è un’ovvia limitazione della distanza fisica.
Nel mondo della globalizzazione entri facilmente in contatto con queste persone, indipendentemente da dove vivono. Le community sono il collante che permettono di incontrarci virtualmente ma anche fisicamente, grazie agli eventi e alle manifestazioni.

Vedere crescere le commmunity sia per numero di persone che per qualità dei contenuti è certamente un grande risultato che sento anche un po’ mio.

4) Quale è il motore che ti spinge ad aiutare tante persone a risolvere le loro problematiche tecniche?

[Raffaele] Quando ho iniziato a fare il docente di corsi di informatica, la soddisfazione maggiore era vedere negli occhi delle persone accendersi la “lampadina” sinonimo di “adesso ho capito”. Da allora ho trasposto lo stesso sentimento anche sui newsgroup, sui forum e nelle sale dove ho fatto il relatore.

C’è un altro aspetto delle domande che mi affascina; rispetto ad un problema, le domande rivelano un punto di vista che non è necessariamente il mio. Voglio dire che se anche conosco un argomento e so quale sia la risposta ad un problema, la domanda indica molto spesso un’altra prospettiva che può non essermi mai capitata e che mi offre nuovi spunti di riflessione da cui imparare.

5) Quali consigli daresti a chi, a digiuno di conoscenza tecnica su .NET, volesse approfondirla?

[Raffaele] La domanda capita sovente sui newsgroup e la mia risposta è quella di studiare e capire bene il framework prima di entrare nei dettagli del linguaggio, sia esso C# o VB. Andrebbe speso anche un po’ di tempo con una persona che spieghi l’evoluzione e la storia dei linguaggi per capire quali sono le motivazioni alla base del framework.net. Potrebbe sembrare un’inutile perdita di tempo mentre io ritengo che questa “big picture” consenta di guardare con un occhio differente le scelte tecniche che si trovano nelle tante tecnologie che fanno parte del framework.

6) Che cosa fai quando non sei online?

[Raffaele] Hai notato il blackout di 7 minuti dello scorso mese? Non è dipeso da me, ma da un’interruzione di corrente e il gruppo di continuità lo usavo per il mio jasjar… :)
Scherzi a parte, quando non mi vedete online sono da clienti, in un corso, in una conferenza, o a spasso con la famiglia… ma la notte recupero subito ;-)

7) Infine, domanda di rito, dove possiamo incontrarti (fisicamente e/o online)?

[Raffaele] Io vivo a Genova, sono tra gli speaker del registry italiano di INETA e quindi le community in Europa possono richiedermi ad INETA per una chiaccherata tecnologica, e ancora alle conferenze organizzate da UGIdotNET e Microsoft a Milano o in giro per l’Italia.

Incontrarsi online è certamente più veloce e frequento attivamente i newsgroup della gerarchia microsoft.public.it.dotnet.* oltre che i forum/newsgroup di UGIdotNET.

Grazie mille Raf per il tempo dedicatoci e alla prossima intervista !

[Raffaele] Grazie a te!

Comments
Your comment has been posted.   Close
Thank you, your comment requires moderation so it may take a while to appear.   Close
Leave a Comment